Questo sito utilizza cookie di profilazione di altri siti per inviarti messaggi pubblicità in linea con le tue preferenze. Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 
header15.jpg

Eventi

Gastronomia tipica del Carnevale

PignoccataSembra che il motto del Carnevale sia di mangiare a crepapelle, prima delle privazioni del periodo di astinenza della Quaresima. Si moltiplicano ovunque i banchetti specialmente nei giorni del giovedi' grasso, della domenica e del martedi' di carnevale, seguendo l'antico uso che vuole che il consumo di alimenti in grande quantità serva a propiziare l'abboddanza futura. Si fa quindi largo uso di pietanze anche elaborate, e si prevedono dei piatti tipici come: i "maccheroni al ragù" preparato con cotenna di maiale e spezie o il "Minestrone del giovedì grasso" preparato a Modica reparato con verdure, patate, fave secche sgusciate, una cipolla, prezzemolo, sale e pepe, ma anche il lardo di maiale privato di cotenna.
La carne "capoliata", si utilizza per condire la pasta, ma il piatto tradizionale per eccellenza del Carnevale è la salsiccia (detta in dialetto siciliano sasizza), prevalentemente offerta in piazza arrostita alla brace. Il primato spetta comunque ai dolci: si tratta di dolci molto ricchi come le "Teste di Turco" (delle frittelle dolci ripiene di crema ed uva passa prodotti a Modica - Rg -) ma anche di dolci semplici come la "Pignoccata" (così chiamata perchè presenta la forma di pigna) che è un dolce preparato con farina, tuorli, zucchero ed un pizzico di sale; l'impasto così preparato è tagliato in tocchetti successivamente fritti in sugna bollente, sgocciolati e decorati con miele allentato con acqua d'arance e spolverati di cannella spellata. Il dolce più “gettonato” è comunque il cannolo, il cui nome proviene forse da canna o cannolo che vuol dire rubinetto.
il composto della scorza, viene spianato in una superficie piana e successivamente si ricavano dei quadrati; quindi, per ricavare la sagoma della buccia, diagonalmente vengono avvolte intorno alla "canna" o ad un cilindretto di legno o metallico in acciaio, anticamente erano di latta, pressando le estremità per chiuderle. Dopo la frittura le scorze dorate vengono fatte asciugare e freddare, prima di staccarle dai tubi.

Paola Campanella